trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-49

Odissea

Informazioni

Adatto a

Classi III e IV elementare Bambini da 6 anni in su con famiglie

Durata

90 Minuti così divisi: 60 minuti spettacolo 15 minuti preparazione 15 minuti saluti finali

Genere

Narrativa

Biglietto

8 € a bambino

Per le classi III e IV

Lo spettacolo inizia, come il poema, da Telemaco. È un figlio alla ricerca di un padre, di cui non ha ricordi. Tutti parlano di Odisseo, Telemaco chiede alla madre di parlargli del padre. E la madre, come la Musa, narra… 

Ci siamo serviti in questa interpretazione del bel saggio di Massimo Recalcati, Il complesso di Telemaco (Feltrinelli): “Siamo stati tutti Telemaco. Abbiamo tutti almeno una volta guardato il mare aspettando che qualcosa da lì ritornasse. E qualcosa torna sempre dal mare.” L’Odissea ci parla infatti di una nostalgia del padre e delinea una figura paterna reale, con i suoi pregi e difetti, ma sicuramente positiva. 

Ma Odisseo non è solo un padre, è anche un migrante, un uomo che, sbattuto da un punto all’altro del Mediterraneo, chiede ospitalità.
Il grande tema dell’Odissea è infatti quello dell’ospitalità. È ospitale Alcinoo con Odisseo, sono inospitali Polifemo e i Proci. È questo il grande insegnamento che le parole di Omero lasciano ai giovani del XXI secolo: il rispetto per “stranieri e vagabondi”. 

Mentre lavoravamo a questo spettacolo il 13 ottobre 2013 una imbarcazione carica di migranti è naufragata a poche miglia dall’imboccatura del porto di Lampedusa: ci sono stati 366 morti e 20 dispersi. Alle vittime di questa sciagura è dedicato il nostro spettacolo. 

L’Odissea è uno scrigno inesauribile di storie. Non c’è spettacolo che possa contenerle tutte. Abbiamo dovuto fare delle scelte, spesso difficili. E così se il soggiorno di Odisseo presso la dea Calipso è solo narrato, episodi molto celebri, come i Lotofagi, l’otre dei venti, Scilla e Cariddi, i buoi sacri del dio Elio, sono stati necessariamente taciuti.

trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-51
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-52

Argo

Dell’incontro di Odisseo con il suo vecchio cane, Argo, mentre l’eroe si reca con il porcaro Eumeo nella reggia infestata dai Proci, diamo la traduzione esemplare di Toni Comello:

“Parlavano così tra loro di queste cose e un cane che era lì disteso sollevò la testa e le orecchie. Argo, che lo stesso Odisseo cuore paziente aveva allevato ma senza goderne quand’era partito per Ilio esecranda. I giovani una volta lo portavano a caccia di capre selvatiche lepri cervi ma adesso stava lì abbandonato da tutti senza padrone, steso sul molto letame di muli e di buoi scaricato davanti alle porte, poi i servi ne concimavano i vasti poderi. Lì Argo il cane giaceva tutto coperto di zecche e come vide Odisseo che gli passava vicino agitò la coda e abbassò le due orecchie ma non ebbe la forza di avvicinarsi al padrone; guardando altrove Odisseo si asciugò di nascosto una lagrima che Eumeo non vedesse poi disse: “Eumeo mi fa gran meraviglia che un simile cane stia nello sterco: è molto bello di corpo anche se non so dire se sia stato veloce davvero come mi sembra, o non piuttosto di quelli che si allevano per i festini e i padroni hanno cari solo per la bellezza” e tu rispondendo dicevi così, Eumeo porcaro: “Questo è il cane di un uomo che è morto molto lontano, se fosse ancora di corpo e di atti come Odisseo lo lasciò partendo per Troia, allora sì ti meraviglieresti a vederlo così. Veloce e gagliardo com’era, non c’era preda che gli sfuggisse; nei recessi del bosco sapeva tutte le tracce. Adesso sconta la malasorte: il padrone morto lontano, le donne sfaticate non gli dan da mangiare, quando i padroni non son lì a comandare i servi non vogliono più fare quello che devono.
Zeus grande-voce toglie metà del valore a chi gli casca addosso il giorno della servitù” diceva così.
Entrarono nelle case ben costruite, andarono dritti al salone tra i proci altezzosi e la Parca afferrò di negra morte Argo, che aveva rivisto Odisseo dopo vent’anni.”

trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-51

Argo

Dell’incontro di Odisseo con il suo vecchio cane, Argo, mentre l’eroe si reca con il porcaro Eumeo nella reggia infestata dai Proci, diamo la traduzione esemplare di Toni Comello:

“Parlavano così tra loro di queste cose e un cane che era lì disteso sollevò la testa e le orecchie. Argo, che lo stesso Odisseo cuore paziente aveva allevato ma senza goderne quand’era partito per Ilio esecranda. I giovani una volta lo portavano a caccia di capre selvatiche lepri cervi ma adesso stava lì abbandonato da tutti senza padrone, steso sul molto letame di muli e di buoi scaricato davanti alle porte, poi i servi ne concimavano i vasti poderi. Lì Argo il cane giaceva tutto coperto di zecche e come vide Odisseo che gli passava vicino agitò la coda e abbassò le due orecchie ma non ebbe la forza di avvicinarsi al padrone; guardando altrove Odisseo si asciugò di nascosto una lagrima che Eumeo non vedesse poi disse: “Eumeo mi fa gran meraviglia che un simile cane stia nello sterco: è molto bello di corpo anche se non so dire se sia stato veloce davvero come mi sembra, o non piuttosto di quelli che si allevano per i festini e i padroni hanno cari solo per la bellezza” e tu rispondendo dicevi così, Eumeo porcaro: “Questo è il cane di un uomo che è morto molto lontano, se fosse ancora di corpo e di atti come Odisseo lo lasciò partendo per Troia, allora sì ti meraviglieresti a vederlo così. Veloce e gagliardo com’era, non c’era preda che gli sfuggisse; nei recessi del bosco sapeva tutte le tracce. Adesso sconta la malasorte: il padrone morto lontano, le donne sfaticate non gli dan da mangiare, quando i padroni non son lì a comandare i servi non vogliono più fare quello che devono.
Zeus grande-voce toglie metà del valore a chi gli casca addosso il giorno della servitù” diceva così.
Entrarono nelle case ben costruite, andarono dritti al salone tra i proci altezzosi e la Parca afferrò di negra morte Argo, che aveva rivisto Odisseo dopo vent’anni.”

trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-52
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-132
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-133
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-132
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-133

Dal mare arriva sempre qualcosa

I bambini verranno coinvolti in prima persona com’è nello stile e nel metodo del Trebbo, sapientemente condotti dagli operatori animeranno e daranno vita alle scene.

Le ancelle di Nausicàa, la corte di Alcinoo, i greci nel cavallo di Troia, i compagni di Odisseo nella grotta del ciclope, i porci di Circe, le sirene, la strage dei proci in un susseguirsi di emozioni e colpi di scena per un’esperienza unica ed indimenticabile.

trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-53
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-54
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-54

Dal mare arriva sempre qualcosa

I bambini verranno coinvolti in prima persona com’è nello stile e nel metodo del Trebbo, sapientemente condotti dagli operatori animeranno e daranno vita alle scene.

Le ancelle di Nausicàa, la corte di Alcinoo, i greci nel cavallo di Troia, i compagni di Odisseo nella grotta del ciclope, i porci di Circe, le sirene, la strage dei proci in un susseguirsi di emozioni e colpi di scena per un’esperienza unica ed indimenticabile.

trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-53
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-132

Per le famiglie

Lo spettacolo è interattivo, da noi il pubblico non è spettatore ma partecipa, diventa parte della storia.
Senza questo coinvolgimento, senza questa inclusione lo spettacolo non si può fare.

Gli adulti che non vogliono essere coinvolti assisteranno alla messa in scena nella quale saranno coinvolti i piccoli che hanno accompagnato, ma resta comunque il rammarico di aver perso l’occasione di condividere attivamente un’esperienza per loro indimenticabile.

Si viene vestiti comodi, meglio se in tuta da ginnastica, ci si tolgono le scarpe, pubblico ed operatori tutti sullo stesso piano, non c’è palcoscenico.

trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-130
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-131
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-131
trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-130

Dicono di noi

trebbo-teatro-bambini-scuole-famiglie-milano-osnago-126

Vuoi saperne di più?